Un quadro generale della storia d’ Egitto

 
 
 
 
 
 

 

 

Verso il 2700 a.C. , ebbe inizio il cosiddetto Antico Regno.
Fu nel complesso un periodo di pace caratterizzato dallo sviluppo di opere pubbliche
e dalla costruzione delle piramidi.
Esse erano le tombe gigantesche dei re e il loro scopo era mettere in evidenzia
la superiorità del faraone, considerato come un dio in terra.
 
La prima piramide fu eretta nel 2670 a.C. circa; nei due secoli successivi
furono costruite quelle dei faraoni Cheope, Chefren e Micerino.
Negli ultimi due secoli del III millennio a.C. però,
i faraoni persero potere a vantaggio dei governatori delle province
e il l’ Antico Regno entrò in crisi.
 
 Solo attorno al 2050 a.C. il ruolo del faraone fu ristabilito e rinacque uno Stato unitario.
 Definito dagli storici Medio Regno, esso ebbe vita abbastanza breve,
poiché fu travolto dall’invasione degli Hyksos,
un popolo semitico che si stabilì progressivamente nella zona del delta,
da dove riuscì a estendere il suo dominio su gran parte dell’Egitto.
 
Nel secolo XVI a.C. , i Faraoni riuscirono a cacciare gli stranieri
e a ricostruire nuovamente uno stato unitario, il cosiddetto Nuovo Regno.
Per evitare altre invasioni, i faraoni rafforzarono l’esercito
e avviarono una fase di espansione che portò alla conquista della Palestina
e della Siria. Proprio il controllo di questi territori,
fu però all’origine del conflitto con gli Hittiti,
che dall’Anatolia si stavano espandendo anch’essi verso l’area siriano-palestinese.
Lo scontro si concluse con la battaglia di Qadesh in Siria intorno al 1300 a.C.,
ma nessuno dei due eserciti riuscì a prevalere chiaramente.
Si giunse così ad un compromesso, che stabiliva la
divisione in due zone la regione siriano-palestinese, controllate dalle due potenze.
 
Dopo la morte di Ramesse III, il potere dei faraoni si trovò di nuovo in pericolo,
in particolare a seguito dell’invasione del popoli del mare, di stirpe indoeuropea,
che si espandevano verso sud, alla ricerca di territori migliori.
Gli invasori vennero sconfitti. Sempre più indebolito, nel corso
del I millennio a.C. , l’Egitto fu spesso governato da dinastie straniere
e cadde sotto il dominio di altri popoli, fra cui gli Assiri e i Persiani.
 
 
Nel 343 a.C. , perse definitivamente l’indipendenza ,
passando sotto il dominio dei persiani,
poi di Alessandro Magno e infine dei Romani.
 
 
 

 

Annunci
  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: